• Setterosa

    Come le donne vincono in squadra

  • Argento

    Giochi Olimpici Rio 2016

  • Bronzo

    Europei Atene 1991

  • Bronzo

    Mondiali Roma 1994

  • Oro

    Europei Vienna 1995

  • Oro

    Europei Siviglia 1997

  • Oro

    Mondiali Perth 1998

  • Oro

    Europei Prato 1999

  • Oro

    Mondiali Fukoka 2001

  • Bronzo

    Mondiali Kazan 2015

  • Argento

    Universiadi Napoli 2019

  • Oro

    Giochi Olimpici Atene 2004

Libro Setterosa

Progetto Storie di donne vincenti

“Il passato esiste per aiutare
il presente a costruire il futuro.”
Aurora Puccio

PERCHÉ QUESTO PROGETTO

Storie di donne vincenti è un progetto ideato da Aurora Puccio Sport Mental Coach con lo scopo di mettere in risalto storie al femminile sportive e non, le cui esperienze possano essere fonte di ispirazione per tutti.

La necessità nasce dall’esigenza di contribuire a far conoscere modelli alternativi da quelli maschili fino a oggi riportati a causa di una società patriarcale basata esclusivamente sullo stereotipo uomo, anziché sull’essere umano con approccio inclusivo.

L’obiettivo è quello di stabilire un giusto equilibro senza che l’uno escluda l’altro. Ma entrambi possano portare il valore aggiunto delle rispettive esperienze.

 TUMORI AL SENO E OSTEOPOROSI

Questo progetto sostiene la ricerca Tumori al seno: sconfiggerlo con nanosfere d’oro intelligenti e “Nanoparticles and Osteoporosis” (osteoporosi) dell’Università di Pavia e guidata dal team della Prof.ssa Livia Visai e Professore Associato presso il Dipartimento di Medicina Molecolare dell’Università degli Studi di Pavia e referente del progetto strategico del “Centro Interdipartimentale di Tecnologie per la Salute”.

Nel 2014 è stato selezionato sviluppato e gestito dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) per far parte della Missione Futura, e completato sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) dall’ex Capitano dell’Aeronautica Militare e prima donna italiana astronauta, Samantha Cristoforetti.




PERCHÉ QUESTA STORIA

Mi chiamo Aurora Puccio e la mia passione per i Giochi Olimpici nasce all’età di 11 anni quando in TV  ho visto la mia prima Olimpiade: Los Angels 1984. Da allora non ho più smesso di seguirle attratta, oltre che dalle imprese degli atleti, anche dalle loro storie. Tutte con sfumature differenti, negli anni mi hanno sempre insegnato qualcosa. Alcune di queste storie sono conosciute. Altre un po’ meno. Tante dimenticate non appena si sono spente le luci olimpiche.

Un giorno mi è stato consigliato di scrivere un libro perché lo fanno tutti. Che follia. Cosa avevo da dire  in più rispetto a tanti altri miei colleghi anche più bravi di me? Rischiavo di ripetermi.

Mi sono detta che lo avrei scritto a una sola condizione: se avessi trovato una bella storia da raccontare, come quelle che avevo cominciato a  scrivere sul mio blog “C’è un messaggio per te“, allora si. Avrei scritto un libro.

Una storia particolare, unica, leggendaria.

Grazie a una serie di coincidenze una bella storia particolare, unica e leggendaria un giorno per caso ha incrociato la mia strada: la storia  della Nazionale Italiana di Pallanuoto femminile nota con il nome del Setterosa e leggenda dello sport italiano.

Così, a partire dal 09 Maggio 2016, ho creato un progetto di divulgazione delle imprese di questa squadra straordinaria con l’intento di rendere omaggio alle donne pioniere di una disciplina considerata solo al maschile e che nel tempo sono state dimenticate.

Dopo oltre due anni e mezzo di intenso lavoro tra interviste, scrittura, viaggi in tutta Italia e anche all’estero, per incontrare le protagoniste, ricostruzioni storiche, recupero di materiale fotografico e video per creare un archivio che ne conservi la memoria storica, avevo terminato la prima stesura del libro.

Ad essi si sono aggiunti altri  due anni tra editing, revisioni e il rinvio dei Giochi Olimpici di Tokio 2021 a causa del COVID-19 che ne ha bloccato l’uscita.

Una sorta di Olimpiade letteraria, durata cinque anni (4+1), che mi ha permesso di intraprendere un percorso personale di crescita interiore.

Ringrazio  tutte le donne del Setterosa perché mi hanno dato l’opportunità di chiudere un cerchio “olimpico”.

Ogni tappa di questo lunghissimo viaggio fatto di gioie, sacrifici, soddisfazioni e difficoltà da superare, è stata un‘esperienza indescrivibile seppur faticosa. Non ero sicura di riuscirci ma ero certa che avrei vinto lo stesso perché “O si vince, o si impara”.

Ed è questo che cerco di trasferire con tutta me stessa ai miei atleti perché ci sono vittorie che coincidono con titoli e medaglie. Altre che assumono forme diverse, ma sempre vittorie sono.

Con affetto

Aurora

SETTEROSA

Il 26 agosto 2004 ai Giochi Olimpici di Atene, il Setterosa diventa leggenda.  A oggi è la prima e unica squadra femminile in Italia ad aver vinto un Oro Olimpico.

In soli 10 anni, dal 1994 al 2004 periodo in cui fa rifermento principalmente questa storia, il Setterosa ha compiuto  ciò che nel tennis viene definito  Grande Slam:

  • 4 titoli Europei di cui tre consecutivi prima squadra in ogni disciplina a riuscirci
  • 2 titoli Mondiali  anche qui prima squadra a vincerli consecutivamente
  • 1 Oro Olimpico 

Eppure le Tigri d’Italia, così come sono state chiamate dai giornalisti,  hanno rischiato di non realizzare il loro sogno. A Palermo il Setterosa fallisce la qualificazione alla prima Olimpiade di Sydney 2000

La delusione è tanta. Le azzurre, a fine partita, si disperdono decidendo di vivere in solitudine la sconfitta. Il giorno dopo però tutto cambia. Si ricompattano. Chiuse in una stanza si guardano negli Occhi e promettono a se stesse che sarebbero andate in Grecia per vincere la medaglia d’oro. Hanno sacrificato altri 4 anni della loro vita per raggiungere un traguardo difficilissimo. Hanno rinunciato alla famiglia, ai figli, a tutto per essere qui a festeggiare un sogno che poteva anche non realizzarsi.

Oltre la medaglia…queste donne hanno vinto il pregiudizio di praticare uno sport considerato solo al maschile, lottando per le pari opportunità. Infatti sono le prime atlete in Italia ad aver ottenuto i premi pari agli uomini. Purtroppo per le borse di studio ancora oggi resta la disparità di trattamento.

Una storia che va oltre lo sport. Una storia di leadership al femminile che si intreccia con la vita stessa delle ragazze e le segnerà per sempre anche dopo il ritiro dall’attività agonistica.

Grazie a questa storia, ho raggiunto la consapevolezza, prima di tutto come essere umano e poi come donna, quanto da giovane atleta prima, allenatrice e arbitra di softball dopo, non mi fossi resa conta di aver accettato inconsciamente credenze socio-culturali pensando fossero giuste per una donna e che oggi ho lasciato andare via.

Questo è successo perché, il giorno in cui ho incontrato le donne del Setterosa, ho aperto all’improvviso gli occhi e mi sono riconosciuta nella loro storia riscontrando le stesse identiche dinamiche, ritrovate poi  in ogni altra storia al femminile. Sport, scienza, filosofia, arte, musica, teatro e così via, in ogni settore esistono storie di donne mai raccontate prima e che a poco a poco stanno emergendo.

Tutte hanno in comune il dover sempre dimostrare qualcosa, la lotta contro le ingiustizie, il diritto di praticare sport, o di esercitare il voto, o esprimere la propria arte. Tutte attività che oggi sono scontate e neanche così tanto, visto che dobbiamo ancora parlarne.

Una libertà conquistata non è eterna se non si è disposti a difenderla tutti i giorni come hanno fatto le Tigri d’Italia per realizzare il loro sogno olimpico.


dal blog C'è un messaggio per te

Storie del Setterosa e di altre donne straordinarie

“La vittoria appartiene a chi trasforma
Occhi gentili in quelli di una Tigre indomabile.”
Aurora Puccio

Storia del Setterosa Aurora Puccio Sport Mental Coach

In questa sezione ho scelto appositamente articoli tratti dal mio blog “C’è un messaggio per te” che parlano di donne senza distinzione di generazione o di titoli vinti. L’obiettivo è raccogliere dei modelli a cui giovani atlete possano ispirarsi oltre a quelli che storicamente vengono proposti declinati sempre al maschile

Occorre il giusto equilibrio tra le cose e fino adesso a tutti accade, me compresa,  che in mente  arrivino sempre e solo modelli maschili.

Questo perché si è cominciato tardi a raccontare storie di donne in tutti i settori, non solo nello sport.

Credo che dobbiamo nutrirci di entrambe le tipologie di esperienze e modelli. Nel mio blog ufficiale quindi troverete anche storie di atleti.


Setterosa un urlo nel silenzio
Setterosa un urlo nel silenzio – EDIZIONE SPECIALE

SETTEROSA Un urlo nel silenzio   di Aurora Puccio con il Setterosa del “passato” Il passato esiste per aiutare il presente a costruire il futuro. Aurora Puccio Questo è un articolo in “edizione speciale” dedicata principalmente al mondo della pallanuoto e che richiede pertanto una premessa doverosa nei confronti dei miei lettori abituali di questo blog.…

LETIZIA PARUSCIO – LA VITTORIA INVISIBILE DEL GIOCO INTERIORE

LETIZIA PARUSCIO – LA VITTORIA INVISIBILE DEL GIOCO INTERIORE Quando l’atleta batte l’avversario segreto  di Aurora Puccio Ogni atleta affronta due partite: una esterna visibile e un’altra interna contro se stesso Athýke La vittoria invisibile del gioco interiore. La vittoria a cui ogni atleta dovrebbe aspirare. Senza si è perduti. Con qualche medaglia si ha…

L'allenamento mentale dell'allenatore - Maristella Perizzolo
L’ALLENAMENTO MENTALE DELL’ALLENATORE – Intervista esclusiva a Maristella Perizzolo

L’ALLENAMENTO MENTALE DELL’ALLENATORE Case History: intervista all’allenatrice di softball Maristella Perizzolo di Aurora Puccio In questo biglietto ci sono tre parole per me fondamentali:  Gratitudine, Dedizione e Rispetto. Lo consegnavo alle giovani e poi spiegavo cosa significassero per me.  Maristella Perizzolo allenatrice softball Il significato di queste parole  lo troverai a conclusione di questa intervista…

L’AVVERSARIA PERICOLOSA – Carolina Kostner pattinaggio

L’AVVERSARIA PERICOLOSA Carolina Kostner pattinaggio sul ghiaccio Audio storia #12 di Aurora Puccio tratta dalla serie “Le brevi storie di Athýke” L’avversaria pericolosa è la storia della pattinatrice sul ghiaccio Carolina Kostner. Per un periodo della della sua splendida carriera è accaduto un fatto curioso. Nelle competizioni più importanti, e solo in queste, sbagliava sempre…

Lilli Allucci - Leadership al femminile e motivazione nello sport e in azienda
Lilli Allucci – Leadership al femminile e motivazione nello sport e in azienda

Leadership al femminile e motivazione nello sport e in azienda La nostra forza è stata quella di non essere mai uguali  a noi stesse Lilli Allucci –  ex capitano Settrosa Campionessa Olimpica Atene 2004 Leadership e motivazione sono tra i temi più gettonati in azienda. Per questa ragione invitano sportivi come testimonial per workshop interni.…

Anna Maria Mazzetti “Ho messo il silenziatore alle opinioni altrui” – INTERVISTA ESCLUSIVA

“Ho messo il silenziatore alle opinioni altrui” Ho messo il silenziatore alle opinioni altrui. Ho iniziato a fregarmene. A credere in me stessa. A sentirmi “alta” come le altre. Posso farcela anche io. Anna Maria Mazzetti – campionessa italiana Triathlon Aver paura del giudizio altrui è tra i temi più gettonati dagli atleti. Si collega…

Samantha Cristoforetti | L’importanza di sognare in grande

Samantha Cristoforetti – L’importanza di sognare sempre in grande “Siamo una stella cadente: se fosse notte, qualcuno, forse, ci vedrebbe ed esprimerebbe un desiderio.” Samantha Cristoforetti –  Astronauta (Foto Guido PV ) «Tu sogni la luna, caro mio! Lascia perdere non ci riuscirai mai» Quante volte ti sei sentito rispondere così dopo aver dichiarato il…

Cecilia Maffei | La motivazione e la resilienza dell’atleta – INTERVISTA ESCLUSIVA

La motivazione e la resilienza dell’atleta I guerrieri vittoriosi prima vincono e poi vanno in guerra, mentre i guerrieri sconfitti prima vanno in guerra e poi cercano di vincere – Sun Tzu Uno dei temi più controversi in ambito sportivo, oltre la capacità di concentrazione, è la motivazione.  La maggior parte degli addetti ai lavori sembra…

Livia Bregonzio|Mente e Corpo connesse in Apnea – INTERVISTA ESCLUSIVA

Livia Bregonzio|Mente e Corpo connesse in Apnea “L’acqua mi ha insegnato tanto: a lavorare sui miei limiti, ad ascoltarmi a comprendermi ad accettarmi e ad avere fiducia in me stessa” Livia Bregonzio Campionessa del mondo specialità monopinna L’atleta che si allena tutti i giorni ha veramente consapevolezza del proprio corpo e del potere della mente?…

Simona Atzori La forza di un sogno

Simona Atzori La forza di un sogno “Non sarei mai arrivata dove sono. Tutto parte da un sogno. Che va curato, innaffiato e amato, poi frammentato in passi concretizzabili, “umanizzato” e spogliato della sua connotazione poetica per diventare reale.” Simona Atzori ballerina ( tratto dal suo libro “Cosa ti manca per essere felice? “) Una…

giovani atlete vs campionesse olimpiche Tania Di Mario e Martina Miiceli
Giovani atlete vs campionesse olimpiche – 101 Motivi per vivere l’esperienza di un Camp con Martina Miceli e Tania Di Mario

Giovani atlete vs campionesse olimpiche – 101 Motivi per vivere l’esperienza di un Camp al femminile con Martina Miceli e Tania Di Mario “I campioni sono quelli che vogliono lasciare il loro sport in condizioni migliori rispetto a quando hanno iniziato a praticarlo”. (Arthur Ashe) Oggi condivido con te, l’esperienza del Train Camp di Pallanuoto Femminile…

Carolina Ioannou La quiete dopo la tempesta – INTERVISTA ESCLUSIVA

Carolina Ioannou la quiete dopo la tempesta “Lasciate che la libertà regni. Il sole non tramonterà mai su una così gloriosa conquista umana” Nelson Mandela Oggi ho scritto per te un breve racconto liberamente ispirato alla vicenda della pallanuotista Carolina Ioannou 21 anni, giocatrice di serie A1 dell‘Ekipe Orizzonte Catania. Per una serie di circostanze legate…

AnnaRitaSidoti_la sconfittanonèdefinitiva_sportmentalcoach_AuroraPuccio
Anna Rita Sidoti – La sconfitta non è definitiva fino a quando non ti arrendi

“La sconfitta non è definitiva fino a quando non ti arrendi” Anna Rita Sidoti Campionessa del Mondo Atene 1997 10Km Marcia Ti ho parlato lo scorso mese della forza interiore e quella esteriore  con l’intervista a Marta Pagnini ex capitano della nazionale di Ritmica e di come sia una risorsa indispensabile per affrontare le situazioni difficili durante…

MartaPagnini_bianconero_mentalcoaching
Marta Pagnini |La forza interiore e la forza esteriore – INTERVISTA ESCLUSIVA

“La forza non deriva dalle capacità fisiche, ma da una volontà indomita. Mahatma Gandhi La forza cos’è? Sono quasi certa che appena hai letto la parola, ti sia venuto naturale associarla all’aspetto fisico. Ma ne esiste una più profonda, intensa, invisibile che prende vita grazie all’azione del corpo ma senza la quale non può assolutamente…

MaddalenaMuscumeci_ScuolaSport_coaching
Maddalena Musumeci: Scuola e Sport due mondi in cerca di dialogo – Il punto di vista della campionessa olimpica Oro Atene 2004

“Ogni problema ha tre soluzioni: la mia soluzione, la tua soluzione e la soluzione giusta”. Platone Scuola e Sport due mondi in cerca di dialogo, come se fossero gli avversari di una partita invisibile che è la vita. Invece sono i lati di una stessa medaglia poiché entrambi, in modo diverso e complementare, contribuiscono alla formazione…

Giusi Malato
Giusi Malato – Il Leader che allena i giovani atleti a diventare prima uomini e poi campioni

Lo sport è uno specchio per la vita e della vita; se non si coltivano valori personali quali il rispetto per le regole, l’amore per il sacrificio in vista di un obiettivo o, l’atteggiamento gerarchico rispetto ad un leader segnato da autorevolezza e non autorità, la meritocrazia, beh allora, non è facile raggiungere traguardi degni…

cadere e rialzarsi
Cadere e rialzarsi. Il ritorno di Carolina Kostner

Cadere per poi rialzarsi trascinata dall’amore per il pattinaggio sul ghiaccio. Il suo punto di forza? prendere consapevolezza che l’avversario da battere… era dentro di lei. “L’avversaria più pericolosa sono io stessa”  (Carolina Kostner ) La storia che oggi ti dedico, se lo vorrai,  potrebbe esserti di supporto per tutte le volte che sei caduto e…